Lasciamo decidere i cittadini se sono “Sindaco” o “Complice”
servadio

Questo articolo è stato letto 18382 volte!

Comunicato stampa del 5 novembre 2012

 

Lasciamo decidere i cittadini se sono “Sindaco” o “Complice

La trasparenza delle mie azioni è una dolorosa spina nel fianco dell’opposizione

Da qualche giorno si sta assistendo all’ennesima “gazzarra” politica di parte dell’opposizione, capitanata dagli stessi personaggi che hanno un passato torbido fatto di mala politica che ha generato tanti debiti che gravano sulle spalle dei cittadini di Velletri. La loro “abitudine” a comportamenti non coerenti li porta a pensare che tutti siamo uguali e, quando si trovano davanti qualcuno che opera diversamente, perdono l’equilibrio e il controllo.

Ricercano ogni pretesto per accusarmi di favoritismi, abbiamo tolto i vicordoli su via Lata, pericolosi e contrari al codice della strada e peraltro senza alcune beneficio sul traffico locale: e isono stato accusato di averlo fatto per favorire il chiosco di fiori di mio fratello.

La Volsca dopo una ricerca di mercato affitta un locale creando vantaggio alle casse della società e semplificando l’organizzazione aziendale: e sono stato criticato di aver favorito i proprietari dell’immobile.

La Velletri Servizi assume una ragazza con un bando pubblico: e sono stato criticato per aver “favorito” l’assunzione poiché trattasi di una mia lontana parente.

È di questi giorni l’ultimo attacco personale: l’operazione di riordino del traffico e riqualificazione del Ponte Rosso l’avrei fatta solo per favorire mia figlia che possiede un locale lungo viale Roma. E per non parlare dei dossi, quando non c’erano sono stato persino accusato di essere complice della morte di un uomo lungo via Fontana della Rosa. Oggi che ci sono i dossi sono criticato per aver speso troppi soli, per averli posizionati in posti sbagliati, ecc, ecc.

Queste sono le grandi “nefandezze” che avrei commesso in cinque anni, apportando danno alle casse pubbliche e favorendo amici e parenti. Lascio i cittadini giudicare, loro hanno maggiore sensibilità dell’opposizione che cerca di far valere il teorema che “siamo tutti uguali”. Ma non è così e lo dimostriamo ogni giorno con impegno, dedizione e il coraggio di assumerci la responsabilità delle scelte. Così fa chi è chiamato a Governare la città e poi si sottomette al giudizio popolare che si esercita con le elezioni e con post velenosi su facebook e attacchi personali su una stampa sedicente ai confini con l’insulto dell’avversario politico che ha la sola colpa di fare le cose per bene, come aveva promesso.

Del resto abbiamo contro un’opposizione composta dai rimasugli di quelli che hanno devastato Velletri ai quali si sono aggiunti i “nuovi”, ovvero coloro che no hanno “avuto” e oggi ben si ritrovano con compagni di viaggio che hanno, principalmente, pensato agli affari propri. Potete abbaiare alla luna ma la vostra condotta è nota a tutti e per quante giravolte tentate di fare, sarete sempre riconosciuti.

E veniamo alla vicenda del permesso a costruire concesso alla società Servizi Immobiliari che è l’esempio più “coerente” di quanto ho premesso. Falsificano la realtà e mistificano i fatti.
Appare chiaro che si tratta di un attacco meramente personale in quanto è coinvolto il consigliere Elis Monaco, non per la sua attività politica o professionale ma per il solo fatto che è mio genero.

Questa premessa unitamente allo “spessore morale” dei personaggi che mi attaccano basterebbe per liquidare la faccenda come bassa politica piena di livore da chi vorrebbe ricattare un passato torbido e pieno di ombre. Ma per onore della verità e anche per ribadire la coerenza con la quale ha sempre lavorato la mia amministrazione, ripercorro cronologicamente i passaggi salienti dell’intera vicenda e lascio il lettore giudicare.

1 agosto 2006

La società Servizi Immobiliari presenta la domanda (in seguito integrata il 31 gennaio 2007) e avvia l’iter per la richiesta di un permesso a costruire a valere sul proprio fondo per la costruzione di un edificio. Mi permetto solo di ricordare che allora l’arch. Elis Monaco era semplicemente un professionista che stava esercitando il suo lavoro e non aveva alcun incarico politico.

5 dicembre 2007

L’ufficio completa l’istruttoria e assegna parere favorevole, la pratica può essere valutata dalla commissione edilizia.

25 gennaio 2008

La Commissione Edilizia esprime parere favorevole e la pratica procede secondo l’iter previsto dalla legge. È inutile sottolineare come tutto questo sia avvenuto prima della mia elezione a Sindaco di Velletri.

Sostanzialmente la fase di valutazione della pratica termina con il parere favorevole della Commissione Edilizia e tutte le azioni successive rientrano nella normale gestione burocratica.

Il permesso a costruire è rilasciato il 4 marzo 2009 a seguito dell’espletamento delle altre fasi ordinarie e previste dalla normativa, come il pagamento degli oneri, la presentazione del progetto per gli impianti e le altre incombenze necessarie.

Dopo qualche mese arrivano le prime richieste di chiarimento sostenute dall’opposizione in merito al rilascio del permesso a costruire adducendo motivazioni collegate alla destinazione del terreno, a loro dire, non conforme con il permesso rilasciato. Sempre nel rispetto delle regole, l’ufficio procede alla richiesta di chiarimento alla Regione Lazio che sostanzialmente conferma l’operato del Comune di Velletri e nulla osta all’esercizio del permesso a costruire, salvo poi tornare sull’argomento, confusamente, con un altro parere ma senza revocare il permesso a costruire.

Tuttavia, quando ho preso visione della prima risposta della Regione Lazio, era il 3 novembre del 2011, quindi più di un anno fa, ho chiesto al dirigente all’urbanistica di agire a tutela dell’amministrazione e di valutare ogni azione possibile affinché venisse appurata la regolarità degli atti ma anche e, soprattutto, che nessun trattamento di specie venisse applicato.

La stessa cosa ho fatto lo scorso 31 ottobre quando sono venuto a conoscenza della seconda lettera della Regione Lazio, ho chiesto ancora una volta al dirigente di riferire urgentemente sulla vicenda sempre con il fine di attuare con massimo rigore tutte le normative vigenti.

Affermo ancora una volta il principio generale che nessuno deve avere privilegi nella stessa misura nella quale nessuno deve essere penalizzato. Un credo che la mia amministrazione ha sempre applicato nonostante le critiche dell’opposizione.

Permettetemi un’ultima considerazione sull’operato della Regione Lazio che ha creato dubbi interpretativi rilasciando della documentazione evidentemente (e volutamente?) confusa. Probabilmente qualcuno ha cercato di prendere delle scorciatoie politiche per mettere in difficoltà l’amministrazione di Velletri, un fatto non nuovo giacché si è ripetuto anche altre volte. 
Il settore è quello dell’urbanistica della Regione Lazio, l’assessore era Luciano Ciocchetti, a capo della protesta ci sono anche gli uomini dell’Udc di Velletri… non credo si debba aggiungere molto altro
.

Adesso che siano i cittadini a giudicare se sono “Sindaco” o “Complice”!

 

 

Articoli correlati:

No comments
Leave a comment

Cittadino Il Comune Comments

Polls

Siete a conoscenza del progetto del Parcheggio Multipiano a Piazza Donatori di Sangue?

View Results

Loading ... Loading ...

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 606 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 608 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 613 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037
wordpress plugin image