Lettera di un cittadino esasperato rivolta all’acea e al comune.
acqua

Questo articolo è stato letto 1431 volte!

Luciano Fanni un nostro membro ci descrive la condizione in cui versa la zona dove abita che da giorni è sottoposta a turnazione per l’erogazione dell’acqua:

Devo dire che il servizio idrico a Velletri non è mai stato all’altezza. Da quando però è intervenuta Acea ATO2 quale gestore unico, le cose sono nettamente peggiorate. Quando la gestione era diretta dal Comune di Velletri, i problemi erano limitati ai mesi estivi, ed a qualche giornata nel corso dell’anno. Ora, con la gestione AceaATO2, posso disporre di acqua diretta razionata, solo un paio di ore al giorno, il che, mi ha costretto ad utilizzare una piccola cisterna per avere una razione giornaliera compatibile con quelle che sono le esigenze di una famiglia di quattro persone. L’approvvigionamento però, avviene a giorni alterni, non c’è mai certezza che l’acqua arriverà, se la cisterna verrà riempita oppure no; viviamo una situazione allucinante, da terzo mondo. Vivere con l’acqua perennemente razionata è già difficile; non avere certezze se l’acqua scorrerà dal rubinetto, è addirittura esasperante e lesivo della mia dignità di cittadino. Non si può, rientrare a casa dopo una giornata di lavoro e non sapere neppure se si ha il diritto di farsi una doccia o di poter lavare i piatti della cena! Per non parlare poi della qualità dell’acqua, con livelli di arsenico tali che mi costringono da anni ormai, all’acquisto di casse di acqua minerale per bere, cucinare o lavarsi i denti! La scorsa settimana ho sritto ad AceaATO2, con la speranza che qualcuno dia risposte al mio grido di aiuto. Mi auguro che qualche ben pagato dirigente di Acea ATO2, mi possa fornire spiegazioni, che mi possa delucidare in merito a questa situazione che non ha eguali nei comuni limitrofi, che mi possa chiarire quella che ai miei occhi è una vera e propria mancanza da parte dell’azienda. Vorrei che, soprattutto, mi fornisse gli strumenti atti a risolvere il problema. Sarebbe interessante inoltre, capire perché, a fronte di un servizio ridotto al 5%, con acqua inquinata e quindi non potabile, anzi, nociva per la salute, io dovrei continuare a pagare un canone al 100%. Se è vero che per ogni servizio avuto, è giusto pagare un corrispettivo in denaro, dovrebbe essere altrettanto giusto, a fronte di un cattivo servizio, pretendere di non pagare, o comunque, pagare in proporzione al servizio ricevuto. Funziona così per qualsiasi tipo di commercio: perché non dovrebbe essere così per un servizio di primissima necessità come l’approvvigionamento idrico? Credo infine, che la mancata continuità dei flussi, così come vergognosamente da troppo tempo sta avvenendo a Velletri, comporti gli estremi per una denuncia alla A.G. per interruzione di pubblico servizio, cosa che, se non avrò riscontri, mi riservo di fare, magari coinvolgendo tanti altri cittadini nelle mie stesse condizioni.

Noi saremo pronti ad affiancare il suo grido di aiuto.

Articoli correlati:

5 Comments
5 Comments
  1. “….a fronte di un servizio ridotto al 5%, con acqua inquinata e quindi non potabile, anzi, nociva per la salute, io dovrei continuare a pagare un canone al 100%. Se è vero che per ogni servizio avuto, è giusto pagare un corrispettivo in denaro, dovrebbe essere altrettanto giusto, a fronte di un cattivo servizio, pretendere di non pagare, o comunque, pagare in proporzione al servizio ricevuto…”
    Concordo assolutamente su tutto quanto hai scritto!!! Io credo che sia giusto pagare in proporzione a quanto si consuma (come per luce, gas e telefono), trovo vergognoso pagare per 150 MC FISSI d’acqua che non si consuma (io, con la mia famiglia in tre anni ne ho consumata 191 mc!!!)e non si riceve.
    Mi chiedo: il Comune, visto l’accordo preso con l’Acea per questa quota fissa, non potrebbe attivarsi per rivederlo? Il Sindaco è (o dovrebbe essere) il nostro rappresentante e dovrebbe essere la voce della nostra protesta!!!
    E’ vero che Velletri ha tanti problemi e qualche piccolo miglioramento si intravede, è anche vero che ognuno vede i problemi che interessano personalmente, ma ritengo che bisognerebbe pensare a problemi seri e concreti prima di pensare ad abbellire la città, rifacendo il corso, facendo feste, ecc. Francamente me ne frego di fare una bella passeggiata per il corso se non posso lavarmi prima di uscire!!!

  2. Dobbiamo unirci tutti insieme per una CLASS ACTION contro il Gestore dei servizi!!
    è ora di uscire dal guscio e dalla rassegnazione. Basta! manca l’acqua, non ti avvisano della turnazione, mettono scuse sui tubi troppo piccoli della rete idrica, in campagna si è abbandonati a noi stessi. Basta! io voglio pagare ma voglio avere l’acqua! è un sogno poter bere l’acqua corrente dal rubinetto di casa? come spiegare ad un bimbo di 4 anni che non può berla perchè avvelenata?
    la cosa peggiore è dover COMPRARE le bottiglie di plastica per un bene primario come l’acqua. Uniamoci, organizziamoci, da soli è impossibile lottare per i nostri diritti.

  3. Sta succedendo la stessa situazione anche a Nemi…sempre colpa dell`Acea.
    Vorrei far partire una class action anche nel mio paese…qualche consiglio??? grazie :)

    • Credo che sulla rete troverai sicuramente la proposta di qualche associazione dei consumatori che già si è mossa in tal senso se non sbaglio l’adconsum gestita dall’avvocato Rienzi..

  4. Abito a Velletri, in campagna, contrada casale.
    Ho una cisterna di oltre 60.000 litri d’acqua perchè NELL’INTERO anno l’erogazione idrica è praticamente nulla.
    Questa estate (6 persone di cui un ultraottantenne invalido al 100% con 104 riconosciuta!) sono riuscito a consumare ben ben 1 MC d’acqua (questa la quantità che è riuscita ad arrivare presso l’utenza!)
    Ho segnalato il disservizio all’ACEAATO2 che prontamente ha fatto intervenire una squadra tecnica la quale mi ha detto che il vecchio proprietario ha venduto l’immobile spinto dalla disperazione “idrica”.
    Mi ha inoltre consigliato di “farmi sentire” e richiedere una autobotte per l’approvvigionamento idrico.
    Dopo 3 fax, 1 viaggio agli uffici ACEAATO2 di Frascati e infinite telefonate, mi veniva risposto che il servizio richiesto era disponibile per il solo territorio di Roma Città.
    Ho provveduto ad acquistarepiù volte acqua con autobotte privata (5000 lt = 80 Euro), Continuo a pagare regolarmente le mie bollette e a sperare che l’inverno arrivi presto!
    Ho segnalato la cosa al Signor Sindaco SERVADIO il quale ha preso nota di miei dati….
    La squadra tecnica mi ha anche detto che per risolvere il problea basta che ottenga il permesso di allacciarmi alla nuova condottura che passa a circa 200 mt dalla mia dimora…. e che avrebbero provveduto IMMEDIATAMENTE con segnalazione e inoltro pratica…. questo circa 3 mesi fa!
    Sto considerando l’idea di seguire l’esempio del mio precedessore e tornare ad abitare in un comune che non appartenga al 3 mondo!
    CONDIVIDO IN PIENO L’ANALISI EFFETTUATA da ADMIN.

Leave a comment

Cittadino Il Comune Comments

Polls

Siete a conoscenza del progetto del Parcheggio Multipiano a Piazza Donatori di Sangue?

View Results

Loading ... Loading ...

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 606 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 608 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037

Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-content/plugins/bloggerhigh_comments/bloggerhigh_comments_include.php on line 613 and defined in /web/htdocs/www.miglioriamovelletri.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 1037
wordpress plugin link